In questi giorni difficili per la Bari calcistica, che ha dovuto assistere al fallimento dei galletti ed alla mancata iscrizione al campionato di Serie B, si spendono tanti messaggi di solidarietà alla piazza barese da parte di tanti volti nuovi. Gli ultimi in ordini di tempo sono stati Pio D’Antini ed Amedeo Grieco, che compongono il duo foggiano di emigratisi “Pio e Amedeo”. Messaggio tanto simbolico quanto significativo, perché arriva da tifosi di quella squadra di rivali storici del Bari, il Foggia Calcio.

[sc name=”garofalo”]

Alcuni giocano con i soldi, ma non si può giocare con i sentimenti: questo in sostanza il pensiero dei due comici, di cui di seguito riportiamo il pensiero apparso su tutti i social network.

Il calcio è uno sport che genera un sentimento forte, aggregazione di comunità intere,il calcio genera abbracci forti…e per tutto questo non è solo un gioco…A noi non piace ballare sui cadaveri…PURTROPPO il Bari, nostro “nemico” sportivo è fallito…e noi non ce la facciamo a godere…ma lo capite che non ce lo compreremo mai un Cristiano Ronaldo, non vinceremo mai nessun campionato e nessuna coppa importante, come i nostri “cugini” e come il 95% di tutte le squadre…ma l’ amiamo lo stesso la squadra della nostra città e toglierci quelle settimane di sfottò, insulti, tensioni per noi è un dispiacere grande…eravamo bambini quando Baiano e Signori li fecero impazzire al san Nicola, a casa loro, ci eravamo ritrovati in un agosto di coppa italia,ancora a casa loro, eliminandoli con una squadra da serie C, e poi rieccoci qua, finalmente…1000 obbligati nel disco volante ma a fare un sacco di rumore, Galano che brucia ancora al 92esimo,poi i kitestramorti lanciati a Guarna …26 novembre e 21 aprile le avevamo segnate in rosso sul calendario l’anno scorso….noi avremmo preferito incontrarli, avremmo preferito riempire le chat di whatsapp con i nostri amici baresi di sfottò e prese per il culo, invece ci toccherà un Siena qualsiasi…a mamm d’u bares, a mamm d’u fuggian, e la domenica è gioia grossa…nei limiti è questo il bello del nostro calcio…e ce lo hanno tolto, perchè alcuni signori giocano con i soldi ma non capiscono che non si gioca con i sentimenti…noi non balliamo sul cadavere, aspetteremo il vostro ritorno per emozionarci ancora forte…in bocca al lupo ai tifosi del Bari, quelli coi sentimenti,vi siamo vicini …tornerete e ci emozioneremo ancora insieme, ne siamo certi…