Si tinge di rossonero il Viviani di Potenza, dove questo pomeriggio i satanelli di Pavone hanno battuto i padroni di casa di mister Cirone al termine di una buona prestazione, nonostante la sofferenza (preventivata) nella ripresa.

Difesa a tre per i rossoneri (privi di Tonti, Di Lella, Orefice, Pasquale Carella) che partono col piede sull’accelerazione e dopo pochi minuti trovano il vantaggio con Alessio Rossi: Cobuzzi pesca sul secondo palo il numero 7 che si inserisce alle spalle della difesa e supera in pallonetto Golia. Nemmeno il tempo di esultare che i lucani pareggiano grazie a Lioi, che sfrutta la gran giocata di Palladino e in diagonale insacca.

Il Foggia però vuol vincere ed al 27′ raddoppia con Cobuzzi (classe 2004), che si inventa un gran gol da fuori area: la parabola beffa il portiere e si insacca sotto la traversa. I rossoneri sono carichi, ordinati e cercano la verticalizzazione ed alla mezz’ora triplicano: Ambrosino verticalizza per Simone Carella, l’attaccante semina il panico nella difesa di casa e conclude a rete, il tiro è insidioso quanto basta per ingannare l’incerto Golia.

La ripresa cala l’intensità del Foggia, che inizia a soffrire stanchezza e condizione non proprio ottimale. Merito anche del Potenza, che spinge cercando di accorciare le distanze sfruttando le palle inattive e riuscendoci grazie alla sfortunata autorete di capitan Botticelli, che nell’anticipare gli avversari mette in porta il pallone calciato da Latorre. Il gol rianima i padroni di casa, che puntano sulla stanchezza dei rossoneri, vicini al gol con Torraco: uno-due e conclusione della mezzala, che lambisce il palo esterno.

Il Potenza cerca di sfruttare le palle inattive ma il Foggia fa buona guardia, portando a casa tre punti importanti.

“Sapevamo che avremmo dovuto soffrire – commenta mister Pavone – veniamo da un momento particolare tra Covid, infortuni e condizione del gruppo non proprio ottimale ma oggi i ragazzi hanno disputato una buona gara, soprattutto nel primo tempo. Abbiamo creato delle buone trame, sfruttando quanto creato. C’è sempre da lavorare e migliorare, l’importante in questo momento è proseguire nella crescita collettiva”.

CLASSIFICA – girone F
Cavese 28; Paganese 24; FOGGIA, Casertana 13; Turris 11; Potenza 9; Avellino 8; Juve Stabia 7.

Il tabellino: Potenza – Foggia 2-3

S.C. POTENZA: Golia, Larocca, Murano (40’st Masi); Latorre, Volturno (15’st Radano), Viglione; Lioi (21’st Catalano), Iacullo, Parisi (1’st Pitanza), Palladino (15’st Olive), Volta. A disp. Villano, Grande, Picone, Casucci, Iamarino, Sessa. All. Giuseppe Cirone

CALCIO FOGGIA 1920: Mascolo; Romagnoli (33’st Lo Muzio), Botticelli, Cocinelli; Rossi, Cobuzzi (24’st Nunziante), Ambrosino, Mininno; Di Canio, Totaro (18’st Torraco); S. Carella. A disp. Lo Mele, Molfetta, Rotoli. All. Gaetano Pavone

ARBITRO: Luigi Amato Fasulo di Potenza (Salvatore-Catino)

MARCATORI: 4’pt Rossi (F), 13’pt Lioi (P), 27’pt Cobuzzi (F), 31’pt S. Carella (F); 33’st aut. Botticelli (P)

AMMONITI: Ambrosino, S. Carella, Botticelli, Mascolo (F); Latorre, Palladino (P)

ESPULSO: Al 34’st Latorre (P) per doppia ammonizione

NOTE: Cielo coperto, terreno in sintetico. Gara disputata a porte chiuse come da DPCM. Angoli 5-0. Recupero: 1’pt, 5’st.

Area Comunicazione – Calcio Foggia 1920