Due regali delle difese, termina in parità il recupero tra calabresi e rossoneri. Segnano D’Andrea e Laaribi

Termina 1-1 la gara tra Vibonese e Foggia con entrambe le squadre che battagliano con poco ordine e si dividono la posta in palio. A segno D’Andrea e Laaribi, con due autentici regali delle difese.

La partenza dei rossoneri lasciava presagire una gara diversa e dava ai tifosi del Foggia un sentore di vittoria agevole. Tiro dalla distanza di Curcio su punizione, parato dal portiere calabrese e gol di D’Andrea all’8′, dopo un grandissimo regalo della difesa rossoblu. Ma dopo una fase di stallo perdurata per circa un quarto d’ora, ecco il regalo del Foggia, quello che “ti aspetti”. Punizione sulla sinistra per fallo su Statella, la posizione è molto defilata, ma la barriera ad un uomo e mezzo di Fumagalli è da film horror. Laaribi non se lo fa dire due volte e mette in rete per il gol del pareggio, al 24′. Ci prova ancora Berardi dalla distanza al 32′, ma trova Fumagalli che, poi, al 36′ deve superarsi su una girata di prima intenzione di Statella. Il portiere rossonero vola all’incrocio. Allo scadere della prima frazione tiro di Rocca dalla distanza con deviazione in angolo dell’estremo difensore della Vibonese. Nella ripresa dopo un minuto e mezzo Laaribi ci prova ancora dalla distanza, ma Fumagalli si distende sulla sua destra e mette in angolo, poi Ambro da fuori area. Il risultato è lo stesso, Fumagalli è attento. Il secondo tempo è maggiormente vivace nelle azioni ma si registrano meno occasioni, per cui la gara si trascina fino al 7° minuto di recupero sul risultato di 1-1, nonostante una mischia pericolosa in area rossoblu, ma l’arbitro aveva fermato il gioco. Terzo pareggio del Foggia in 4 partite e rossoneri che salgono a quota 15, raggiungendo l’Avellino, mentre la Vibonese va a 13, immediatamente alle spalle dei satanelli.

Fabio Lattuchella